Agrandir la taille le texteTaille normale du texteDiminuer la taille du texte

Il popolo suizzero ha ampiamente accettato la prescrizione medica delle sostanze stupefacenti.

Opuscolo sulla cannabis terapeutica

Un gruppo di ragazzi/e che partecipano ai forum di discussione www.enjoint.net www.mariuana.it, ha creato un volantino informativo per sensibilizzare i cittadini nei riguardi della Cannabis Terapeutica, che abbiamo il piacere di presentarvi qui di seguito.

Cari pazienti,

Negli ultimi decenni un numero sempre maggiore di ricercatori ha riscontrato notevoli proprietà terapeutiche nella cannabis, delle quali si aveva testimonianza sin dal lontano 3000 a.C. e, grazie alla tecnologia di cui disponiamo nei giorni nostri, sono state individuate nei principi attivi della pianta: THC, CBN, CBD e gli altri 64 finora identificati.Per svariati motivi di natura politica ed economica la canapa è stata bandita dalla farmacopea mondiale ufficiale nei primi anni del 1900 e resa illegale praticamente in tutti gli Stati del mondo a partire dalla fine degli anni Trenta (spesso accomunata alle droghe cosiddette ’pesanti’). In questi ultimi cinquant’anni sulla cannabis, volgarmente detta anche “marijuana”, se ne sono sentite di cotte e di crude: c’è chi ne diceva tutto il bene, chi tutto il male. Tali versioni discordanti non hanno fatto altro che creare un’enorme confusione nell’opinione comune, che ha avuto come unico scopo quello di ritardare la ricerca sulla cannabis e sui cannabinoidi provocando l’effetto inammissibile di vietare l’assunzione a chi, anche se solo empiricamente, ne ha constatato in prima persona le benevoli proprietà terapeutiche e le quasi nulle controindicazioni.

Partiamo col dire cos’è la cannabis o canapa indiana.

La canapa è una pianta erbacea annua e dioica, ossia con fiori o solo maschili o solo femminili. Dai fiori femminili si ricava una resina dove sono concentrati i principi attivi più importanti, il Delta9 Tetraidrocannabinolo (THC), il cannabinoide (CBN) e il cannabidiolo (CBD), dotato di specifiche proprietà terapeutiche ed in grado di modulare gli effetti del THC, riducendone gli effetti collaterali e prolungandone la durata di azione. Ecco perchè i farmaci mono-componenti a base di thc (sintetico) hanno effetti collaterali non riscontrati con il fitocomplesso naturale e sono meno efficaci.

Il THC, il CBD (rilassante a livello psichico) e il CBN (efficace sulla muscolatura), coadiuvati dagli altri 64 cannabinoidi, sono in grado di alleviare le sofferenze inferte da alcune patologie e in alcuni casi stabilizzarle o addirittura portare il paziente alla totale guarigione. Fra mille ostacoli ed infiniti problemi, la cannabis sta aiutando sempre più medici e pazienti. In quasi tutti i Paesi occidentali, gli Stati Uniti d’America, la Gran Bretagna, la Germania, l’Olanda, il Canada, la Spagna ed Israele, si è arrivati all’inserimento nel prontuario farmaceutico di cannabinoidi sintetici realizzati artificialmente in laboratorio (dronabinol e nabilone), liberamente prescrivibili per il trattamento delle suddette patologie. Sono registrati al momento sul mercato estero due cannabinoidi, il Dronabinol (thc) che viene commercializzato col nome Marinol© (thc sintetico in capsule) e Bedrocan© (infiorescenza femminile naturale essiccata e confezionata, contenente ovviamente oltre al thc anche tutti gli altri cannabinoidi e terpeni ’minori’), e il Nabilone (farmaco sintetico mono-componente), entrambi approvati per il trattamento della nausea e del vomitonelle chemioterapie antitumorali e nell’anoressia in malati di AIDS. A questi si è aggiunta una specialità medicinale derivata dalla pianta di Cannabis Sativa ma con pari concentrazione di thc e cbn, il Sativex© della GW Pharmaceuticals, “ilfarmaco antisclerosi multipla”.

In Italia è difficile venirne in possesso, la canapa e i suoi derivati continuano ad essere illegali; esiste comunque in internet un modulo predisposto dal ministero per la richiesta di importazione del bedrocan, che il medico compila, la ASL riconosce, timbra e invia al ministero della salute per l’ autorizzazione.

http://www.torontohemp.com/tccinfo.htm

si può scaricare un flyer front-back in inglese sull’ uso medico della cannabis naturale. Normalmente la cannabis e il THC sono ben tollerati dal nostro organismo tanto che non sono conosciuti casi di morte dovuti all’uso di cannabis e alla sua tossicità complessiva, che è una delle più basse (se non la più bassa) fra le sostanze medicinali e non. In teoria, la dose letale negli umani, ammonta a circa 40.000 volte la dose ordinaria. Oggi sono centinaia, se non migliaia, i pazienti che si curano con la canapa in Italia. La maggior parte lo fa sottovoce, per paura di essere arrestati, ma ci sono anche pazienti che si ribellano. Per saperne di più, esiste un sito on line che raccoglie alcune testimonianze di questi pazienti, l’indirizzo è:

www.pazienticannabis.org

E, scommetto che non lo sapete, esiste anche un’associazione: l’A.C.T. (Associazione Cannabis Terapeutica) presente al seguente indirizzo internet:

http://medicalcannabis.it

Qui troverete notizie, approfondimenti, schede, rapporti, ricerche, dossier...insomma, molte risposte alle vostre domande, sia per semplici curiosità che per questioni più tecniche. Esiste anche un forum di discussione dove i pazienti si scambiano consigli e testimonianze:

www.fuoriluogo.it/forum/index.php

Quest’opuscolo non vuole istigare all’uso di una sostanza stupefacente illegale, vuole solo che sia data la possibilità ad ogni paziente di informarsi, di valutare le informazioni raccolte e di decidere del proprio corpo come meglio crede. Vuole altresì che venga aperta una linea di dialogo fra medici e pazienti che hanno tratto dei benefici dalla cannabis e che possano testimoniarlo senza il timore di rappresaglie.

Copertina dell’opuscolo

Link dei due forum :

http://www.mariuana.it/modules.php?...

http://www.enjoint.net/modules.php?...

Date de parution mercoledì 30 novembre 2005 02:06

Forum de l'article

Opuscolo sulla cannabis terapeutica
Sono affetto da epatite c dal 1976 "34 anni" troppi. Da sempre ho seguito un unica terapia "la canapa" risultati positivi, sono ancora vivo. Tuttavia la cura mi è costata molto ma non in soldi in "galera" un piccolo ergastolo "11 anni" ora mi trovo prigioniero agli arresti domiciliari, soffro dolori acuti chr rasentano la pazzia ma a chi importa?

Répondre à ce message
9 Dicembre 2010 par Francesco naccarato Reggio Cal.
  Opuscolo sulla cannabis terapeutica
 
sono affetto della sindrome della w.p.w.da anni ho sempre fumato la canapa per evitare stress,nervosismi o alterazioni cardiache che potessero farmi stare e mi sono sempre trovato bene...senza complicazioni..ora non posso farne uso per sospensione patante per cannabinoidi nelle urine...ora inizio ad avere seri problemi di tachicardia ansia insonnia e i medicinali non fanno altro che aumentare tutto questo...cosa posso fare per curarmi in modo naturale evitando farmici che aumentano la tachicardia e rovinano solo le persone???????mille grazie....

Répondre à ce message
  3 03 2011 par andy
 
  Opuscolo sulla cannabis terapeutica
 
Hai provato con i "Fiori di Bach"? E’ una cura omeopatica riconosciuta ed è naturale

Répondre à ce message
  17 02 2012
 
  Opuscolo sulla cannabis terapeutica
 
Anche la cannabis e’ un prodotto naturale!!!!

Répondre à ce message
  13 11 2013 par Lua
 
  Opuscolo sulla cannabis terapeutica
 
Gentili Signori,

ho 71 anni.Un’incubo questa vita:
ANSIA,insonnia,hanno diagnosticato "psiconevrosiossessivo fobica",centinaia di visite,ma ho sempre PAURA DELLA VITA.
Tutto mi stanca!
La solitudine mi schiaccia.
Mi sono trovato ad Amsterdam,e per la prima volta ho fattto tre tiri della White Willow:un miracolo!Formidabile!
Certi giorni vorrei morire,il tutto per colpa dell’ignoranza,chiusura mentale, verso questa pianta miracolosa,una pianta del Signore!
Che fare?

Un consiglio,una idea!
Aiuto!

Un caro saluto.

tommy
P.S.All’Ospedale di Casarano(Lecce)si è aperto un varco.....

Répondre à ce message
  3 06 2013 par tommy
 

Articles liés au mot-clé


http://www.cannabis-helvetica.ch
http://www.swisshempshop.com